fbpx

Gli anni ’70 per la famosa discoteca Baia degli angeli

Per l’epoca fu una vera rivoluzione e Celeste,  come molti  altri ragazzi di allora, fu subito pronta ad entrarvici dentro, poiché questa realtà coincideva pienamente con quello che lei era e sentiva vivo dentro se stessa. Dopo avere frequentato le piccole discoteche di allora  e dopo avere esaurito l’exploit innovativo del genere punk, seguirono per lei altre discoteche ed altri generi di tendenze,sia per il look che per la musica.

Fu seguendo questa evoluzione, proprio come si segue una strada intrapresa o come si segue la scia del proprio vento che Celeste approdò alla famosissima ed esclusiva “Baia degli Angeli”, noto ed innovativo locale sulla costa  adriatica a strapiombo sul mare ed assolutamente unico nel suo genere. Per lei, questa fu la scoperta di una nuova scena, di un nuovo palco dove esibirsi che possedeva tutti i requisiti di un autentico set hollywoodiano. La “Baia degli Angeli” era veramente tale e per giunta il locale era frequentato addirittura dalle stars di Hollywood, che qui sostavano durante il loro soggiorno in Italia e che si univano e si mescolavano ai numerosi giovani provenienti da tutta Europa.

 

 

Il locale era situato in cima alla collina, proprio come ad Hollywood e vi si accedeva salendo una imponente ed immacolata estesa gradinata bianca. All’ interno fasci ed effetti di luci mai visti prima. Una batteria di fari si spostavano su un braccio meccanico, dando vita a raggi e fasci di luci incredibili e surreali, da set hollywoodiano appunto.
Sempre all’ interno, due piscine, circondavano la pista da ballo, mentre un’altra piscina era sottostante ad una passerella in cristallo, sulla quale ovviamente si poteva anche ballare.
La consolle, con la figura davvero mitica ed innovativa del Dj, era all’ interno di un ascensore che saliva sempre all’interno del locale, per poi affacciarsi infine su un’altra pista all’esterno e adiacente alla piscina. Si poteva in pratica ballare sull’acqua, anche senza bagnarsi.  Veramente spettacolare, da incanto.

Sopra al rotondissimo cerchietto del volto, un ovale in linea orizzontale dava  una forma perfetta all’aureola. Un microfono e due cuffie stilizzate, facevano calare l’angioletto dall’alto sulla Baia, che pur sempre in alto era collocata, in quanto sorgeva su un colle. Infatti, a conferma di ciò, dietro al cerchio e all’ovale sovrapposti e stilizzati che raffiguravano il volto e l’aureola, spuntavano due triangoli, anch’essi stilizzati, a rappresentare il monte di Gabicce a strapiombo sul mare. Posizione questa, geograficamente parlando,  strategica ed assolutamente unica che conferiva al locale un’ atmosfera ancora più magica e rara.

Prima della Baia i Dj dovevano “mettere sù” i dischi, semplicemente, uno dopo l’altro. Alla Baia invece si rivoluzionò tutto e qui i Dj compirono autentiche innovazioni, sovrapponendo uno o più brani, mixando i pezzi ed esprimendo così la loro abilità e sensibilità sia artistica che acustica, nonché prontezza nel cogliere le minime variazioni  e congiunzioni di pause e tempi, fra un suono e l’altro.

Metterci del proprio fu la vera rivoluzione e la vera innovazione. Qui i Dj divennero dei veri artisti capaci di giocare magistralmente con i dischi, avventurandosi , a volte anche arditamente, nella ricerca di nuove tecniche  e combinazioni del suono. La Baia era il luogo adatto per questo, perché qui tutto era e voleva essere nuovo: dalla musica alle luci, dagli spazi  fino anche agli orari.

Fu infatti il primo locale in Italia a rimanere aperto fino alle prime luci dell’alba, fino alle ore 6 del mattino.Per i tempi di allora questa fu una enorme rivoluzione ed una strepitosa innovazione. Tutti gli altri locali chiudevano ancora alle ore 1 o al massimo alle ore 2 della notte. Inoltre la musica che si ascoltava e che si ballava alla Baia era veramente musica nuova: i lenti erano assenti e i dischi venivano  direttamente e rigorosamente importati dagli States, in anticipo su quelli che sarebbero stati i loro tempi di diffusione a livello mondiale.

 

Un’ altra figura di Dj notissima e meritatissima fu Daniele Baldelli,  scelto da Bob e Tom per sostituirli allo scadere del loro contratto presso la Baia. Daniele Bandelli, prima della Baia, si esibiva al Tabù Club di Cattolica. Parallelamente a Bandelli giunse alla Baia degli Angeli anche Claudio Rispoli, in arte meglio conosciuto come Dj Mozart. Insieme iniziarono una grande avventura alla Baia degli Angeli.

Era quello il periodo della Disco Music e del Philadelphia Sound e la musica era ancora divisa in due colori: una musica bianca ed una musica nera. Con  Daniele Bandelli alla Baia, si realizzò un’ennesima rivoluzione poiché proprio qui nacque il suo “Africanismo“,  realizzato ed attuato attraverso la musica del “Bolero di Ravel“.

Bandelli possedeva, in qualità di Dj,  un’abilità musicale unica nel mixare la musica bianca con  la musica nera. Bolero ricordava le note trionfali dell’Aida, tale quale la Baia fosse stata l’Anfiteatro dell’ Arena di Verona. Anche la scenografia della Baia degli Angeli era per certi versi simile all’Anfiteatro dell’Arena di Verona ed era ugualmente intrisa di grande e vellutata magia.

La Baia degli Angeli era un luogo assolutamente inconsueto per l’epoca e poteva reggere il confronto solo con un altro notissimo locale al mondo che era il famosissimo Studio 54 in  New York City

Dove siamo

Via Panoramica 36 
GABICCE MARE (PU)

Contattaci

Dalle 12 alle 18 (Anche whatsapp)
+39 348 02 94 055